Bugiarda per amore (Parte 2)

La versione di Vera

Devo smetterla di comprare scarpe troppo stette soltanto perchè sono in saldo, questi sandali mi stanno massacrando i piedi e giuro che, dopo essermene andata in giro zoppicando tra le strade di Londra per tutta la mattina, potrei togliermeli e camminare scalza. Ah, se solo non fossi la regina dei germofobici!

Finalmente vedo l’insegna di London Backery, è sempre pieno di gente all’ora di pranzo e anche oggi non è da meno, chissà se Emma è riuscita a prendere un tavolo, certo lo saprei se solo si decidesse a rispondere al telefono. Ma che se ne fa dell’ultimo modello di iPhone se poi lo lascia seppellito nella borsa per giornate intere? «Che fine hai fatto?» urlo per la millesima volta contro la sua segreteria telefonica. Qui dentro di lei non c’è traccia. Continua a leggere “Bugiarda per amore (Parte 2)”

Bugiarda per amore (Parte 1)

La versione di Emma

«Ti rendi conto che hai un appuntamento romantico con Stephen Thompson?» Anche se siamo al telefono, è come se Vera fosse davanti a me. Posso vederla mentre stringe la cornetta con una mano e si attorciglia una ciocca di capelli sul dito indice dell’altra, gli occhi sgranati e le guance arrossate per l’eccitazione.

«Frena, ho detto che domani andrò in banca a parlare con lui delle condizioni per il mutuo, non c’è niente di romantico in tutto questo. » O forse sì? Insomma, finalmente la prospettiva di avere una casa tutta mia comincia ad acquisire una certa concretezza, dovrebbe essere una fase importante della mia vita. No? Continua a leggere “Bugiarda per amore (Parte 1)”